L’Onu vara l’ennesimo intervento: truppe europee in Centrafrica

La Repubblica Centrafricana precipita in una spirale di violenza e instabilità. Due milioni e mezzo di persone a corto di cibo, un milione gli sfollati. L’Unione Europea pronta ad inviare un contingente con la benedizione dell’Onu.

Continua a leggere…

Annunci

Sull’ambiente passo indietro dell’Europa

A Bruxelles e tra le cancellerie di mezza Europa è in atto una silenziosa battaglia che deciderà il nuovo corso della politica energetica e di contrasto al cambiamento climatico dell’Unione Europea. Il 22 gennaio la Commissione dovrà infatti illustrare, tra le altre cose, i nuovi obiettivi per la riduzione delle emissioni di “gas serra” e la quota di energie rinnovabili da raggiungere nel 2030. L’ultimo Pacchetto per il Clima e l’Energia, del 2009, fissava tre obiettivi da conseguire entro il 2020: riduzione delle emissioni di CO2 pari al 20%; quota di energie rinnovabili sul totale prodotto di almeno il 20%; aumento del 20% nell’efficienza energetica. I primi due obiettivi saranno quasi certamente raggiunti e superati (si parla di un 24% di riduzione delle emissioni e di poco più del 20% nella quota di energie rinnovabili), ma la Commissione sembra orientata a non rilanciare.

Continua a leggere…

Why you will have to tell your grandchildren what pasta was, and why we should care about climate change before it’s too late

Disclaimer: This is not a scientific article, and it has no ambition to be. It’s my point of view on the latest IPCC report.

I will start with an anecdote.

I was with a bunch of colleagues in the canteen of a major environmental NGO, where I used to work, and was eating my alleged pasta with pesto from the kitchen. I say alleged because, yes, it had roughly the colours and the shape of a pasta with pesto, but was very far from tasting like it.

I will get over the pesto, I guess only someone from Genova could explain the magic of basil, olive oil, parmigiano and pine nuts crushed and blended and mixed to create one of the most famous and tasty sauces you could add to your daily pasta. That one was too salty, the cheese was evidently not parmigiano, and there was little if no oil.

But the pasta. Oh, mamma mia, the pasta.

First, it was very soft, almost melted, you hardly noticed it under your teeth while chewing. Totally not al dente.
Second, and related, it was made of regular soft wheat. Huge mistake, dear anonymous food provider. Because the real Italian pasta (we invented it, after all) is and can only be made of hard (or durum, if you wish) wheat. By law. Name it as you wish, but don’t call it pasta, ok?

The occasional reader eventually survived to my rant on authentic pasta might now be wondering why I am bringing this up.

[You can skip this part if you have no time]

To understand why, I would warmly suggest the reader to:

first go out, find a reasonably high-quality supermarket and buy some Italian pasta, made in Italy, possibly from Garofalo or De Cecco, also Barilla would do;

second, cook the pasta following the instructions, in enough boiling salty water (1 liter for each 100gr.) for the amount of time required to dampen it without it getting too soft; then stir it in a saucepan with some Italian tomato sauce and basil, previously cooked for 10-15 minutes with some extra-virgin olive oil;

third, while eating, go on with reading this post.

I apologize with anyone feeling offended by me assuming the reader doesn’t know how to cook pasta. Blame it on my PTSD caused by watching a so-called British cook throwing some spaghetti on the wall to see if they were done. Or blame it on my insuppressible love for slow, good food. Whatever.

[End of expendable part]

The point is, this, all this marvel of Italian pasta, fruit of a millenary evolution, is very likely to become something to recall with sparkly eyes, while eating your daily dose of amino acids together with other thousands of survivors in chemical suits under a grey hopeless sky.

Last summer, in southern Italy, has been exceptionally long and reasonably hot and dry. Until mid-November, thanks to a very warm air front from central-eastern Europe, people were enjoying temperatures above 20°C in most of the southern regions of Italy and swimming. It’s becoming quite the norm, and for now, except for a few flash-floods and their burden of victims and universal blame, climate change has hardly affected Italy. But it will, soon enough for most of us to witness it.

The first part of the latest IPCC report is out, with the description of what’s wrong with our climate, lately. The main line is that scientists believe “it is extremely likely that human influence has been the dominant cause of the observed warming since the mid-20th century”.

So, now we are sure (maybe 95%, maybe not, does it really make a difference?).

And what does they say, among other ghastly things? That “In southern Europe, climate change is projected to worsen conditions (high temperatures and drought) in a region already vulnerable to climate variability, and to reduce water availability, hydropower potential, summer tourism and, in general, crop productivity”.

Seriously? Like if mass unemployment, widespread corruption and weak politicians weren’t big enough issues to deal with.

In its carefully measured jargon, the IPCC adds that “there is […] high confidence that many semi-arid areas (e.g. Mediterranean Basin, western United States, southern Africa and north-eastern Brazil) will suffer a decrease in water resources due to climate change. {3.3.1Figure 3.5}”

This means up to an unbelievable 40% decrease in southern Italy.

Which inevitably leads to one conclusion. It will become more and more difficult to produce enough hard wheat, due to water scarcity and extreme weather events that are increasingly threatening our crops.

At this rate by the end of the century we Italians will probably have to start growing sorghum or other less-demanding crops. Maybe Sicily will become a huge cotton field in which we might as well start singing our gospels for long-gone traditional Italian food.

Some will say: ok, then we can produce hard wheat in Ukraine or somewhere else. After all the global production of hard wheat reaches 40 millions of tonnes, of which only 10% is produced in Italy.

Well, let me tell you something: trade is not the answer to all problems. You can’t solve everything by selling and buying land, crops, stuff. If hard wheat disappears from Italy I will (and you will) never ever hear anymore that faint sound of the southern wind passing through wheat fields, under a hot dry sun, while watching the Mediterranean sparkle until you get blinded by the light and overwhelmed by the feeling of being in the middle of your land and at the last station of a long long road made of the lives of your ancestors, their songs, their food, their dreams. Unless you listen to your iPod. Got the idea?

Besides, it would be very awkward if pasta made in Italy were to be actually produced somewhere else, right?

Yes, there are more terrible things happening right now because of climate change, and I’m not at all underestimating them. Rather, I am trying, partly light-hearted, partly serious, to awake your conscience by telling a very small story of climate change and loss. I hope that the pasta you just wolfed down will contribute to motivate you to act. After a nap, of course.

As I said in my disclaimer, I’m not a scientist but, to borrow IPCC’s jargon, I’m afraid that it is very likely that current trends in climate change will ultimately lead to a gradual disappearance of hard wheat, hence of properly made pasta, from the world. This will be only one of the long term consequences of us not advocating enough and not doing enough to fight back and cut emissions and so on. A small, very small yet so precious thing that we might as well lost while watching the last kitten video on our iPads. Add it to a reducing population of whales together with death in the oceans due to over-fishing, rainforests being cut down like they were some rose bushes in your backyard, et cetera et cetera. Yes, we can’t be sure at this stage of what exactly will happen, and this is one more reason to wait for the second part of IPCC report, to be released later this year. But, honestly, I wouldn’t take the risk. Would you?

INCHIESTA. Atc sosta: la “bad company” che rischia il fallimento

La scissione di Atc per creare Tper ha lasciato indietro il settore Sosta e i suoi 128 lavoratori. Che adesso, per un imbuto normativo, non possono nemmeno più fare il proprio lavoro. Ma il controllo della mobilità serve, e il Comune tira fuori 500mila euro per garantirlo. E se una sola delle cause pendenti fosse persa, Atc rischia il fallimento. La seconda puntata dell’inchiesta. Qui la prima puntata.

 ***

Sono passati appena quattro mesi dalla fusione di Atc e Fer e dalla creazione di Tper (Trasporto Persone Emilia-Romagna). Quattro mesi di trepidazione per i dipendenti rimasti nella vecchia Atc. Per realizzare la fusione con Fer, infatti, Atc ha dovuto (o voluto) scindersi. Una scissione importante, se degli oltre 57 milioni di euro di patrimonio, 56,5 sono stati conferiti alla nuova società, che ha inglobato tutto il settore del trasporto pubblico locale. Ad Atc Spa è rimasto solo il settore della Sosta, 128 dipendenti e meno di 800mila euro di patrimonio.

Chi risponde in tribunale?

Nubi nere si addensano all’orizzonte della nuova-vecchia Atc, che chiameremo per comodità Atc Sosta.

Intanto i rischi legali e patrimoniali legati ad alcune cause e indagini in corso, ereditate dalla vecchia Atc.

Da un punto di vista formale (e legale), infatti Atc Sosta è sempre Atc, ne conserva partita iva e codice fiscale. Solo che è stata svuotata: tutte le risorse a parte pochi spiccioli sono passati in Tper, ma per le pendenze legali (tranne per i procedimenti specificamente relativi al trasporto pubblico locale, per i quali è stato previsto il subentro di Tper) Atc Sosta resta responsabile e potrebbe essere chiamata a sostenere milioni di euro di spese, senza averne la possibilità: 800mila euro di patrimonio e un bilancio chiuso in pareggio per il rotto della cuffia illustrano lo stato delle finanze dell’azienda.

Più soldi del Comune per lo stesso servizio

Come se non bastasse il Comune ha deciso di rimettere a bando il servizio di accertamento della sosta. Secondo Palazzo D’Accursio sarebbe obbligatorio applicare la legge 148/2011 sulle liberalizzazioni, nonostante su questa ci sia un forte fronte di resistenza esteso a molte amministrazioni locali, poiché configge con lo spirito dei referendum passati a Giugno scorso. Ma al momento, tra scorporo Atc e bando di gara, la rivoluzione nella sosta sta già costando alle casse comunali una bella cifra extra.

Con delibera del 26 aprile, il Comune ha infatti affidato a SRM, Agenzia locale per la mobilità, il compito di predisporre la gara d’appalto. Per questo lavoro, SRM viene pagata 60mila euro, che userà per assumere un consulente esterno che scriva materialmente il bando di gara. A questi si aggiungeranno 32mila euro per “attività di produzione/aggiornamento di elaborati grafici, in relazione alla riorganizzazione del Piano Sosta, nonché delle linee del servizio di trasporto pubblico”. Si tratta di somme già iscritte a bilancio 2012, già virtualmente spese.

Nella stessa delibera il Comune dà anche mandato a SRM di coprire per l’anno 2012 il servizio di controllo di accesso e sosta nelle corsie degli autobus e alle fermate, come previsto nel contratto di servizio del 4 marzo 2011 stipulato tra SRM e TPB. Tra il 1 marzo 2011 e il 31 gennaio 2012, infatti, Atc esisteva ancora, ma il ramo trasporti lavorava all’interno di una società fatta dalla stessa ATC, da FER e da soci privati: appunto TPB. Per un servizio che fino a ieri garantiva Atc, adesso l’amministrazione sborsa altri 500mila euro, quindi.
Eppure la stessa legge 148, modificata per decreto dal governo Monti, recita che “l’Ente valuta l’opportunità di procedere all’affidamento simultaneo con gara di una pluralità di servizi pubblici locali, nei casi in cui possa essere dimostrato che tale scelta siaeconomicamente vantaggiosa”.

Dove sia il vantaggio economico in questa operazione ci sfugge.

Il controllo della sosta va in pezzi

Se Kafka fosse vissuto oggi, probabilmente avrebbe chiamato il suo romanzo “La sosta”, invece che “Il processo”.

Per capire di cosa stiamo parlando, bisogna fare riferimento alla legge Bassanini, che assegna ai Comuni il diritto di affidare il controllo della sosta a “dipendenti comunali o delle società di gestione dei parcheggi, limitatamente alle aree oggetto di concessione”. Nel comma successivo, la legge precisa che queste stesse funzioni possono essere svolte da “personale  ispettivo delle aziende esercenti il trasporto pubblico di persone”.  E’ sulla base di quest’ultimo comma che Atc ha potuto svolgere tutte le funzioni relative all’accertamento della sosta, in quanto azienda di trasporto pubblico locale.

Ora Atc non lo è più, avendo trasferito tutto il settore Trasporto a Tper, e dunque i dipendenti di Atc non possono più garantire l’accertamento della sosta al di fuori delle strisce blu (le “aree oggetto di concessione” di cui parla la legge). Avendo Tper ereditato la funzione di trasporto pubblico locale, sarà quasi certamente la nuova mega-società ad occuparsi del controllo sulle corsie preferenziali e alle fermate degli autobus. Ma questo servizio costerà mezzo milione di euro alle casse comunali.

Da quattro mesi a questa parte gli accertatori Atc possono solo occuparsi del rispetto delle strisce blu. Al di fuori di esse è teoricamente responsabile il corpo di Polizia Municipale. Che, però, nel tempo, è stato progressivamente dirottato su molte altre funzioni, trascurando inevitabilmente la sosta.

Alla gara d’appalto, quindi, si presenterà una Atc sovradimensionata per il ruolo che può svolgere (solo le strisce blu), che dovrà competere con soggetti nuovi, partendo con un evidente handicap.

Una prospettiva che allarma i 128 lavoratori e i sindacati, sul piede di guerra anche per l’annunciata intenzione da parte del Comune di non rispettare la “clausola sociale” firmata a suo tempo dal sindaco Cofferati. Nell’accordo l’amministrazione si impegnava a garantire, in caso di bando di gara per i servizi di accertamento della sosta e affini, l’occupazione dei dipendenti Atc e finanche il loro inquadramento contrattuale come autoferrotranvieri e l’accesso alla mensa aziendale.

Se e quando saranno riassunti da una nuova cooperativa, quindi, i dipendenti di Atc potrebbero perdere molto. Alcuni l’inquadramento contrattuale faticosamente guadagnato negli anni, altri il posto di lavoro.

Per questa ragione i 128 dipendenti di Atc Sosta denunciano senza mezzi termini: «Hanno creato una bad company, già sapendo che affonderà prima o poi».

Gianni Cremonini, delegato Usb in Tper e prima in Atc, accusa: «L’operazione di scorporo di Atc è irrazionale. Lo scorporo ha avuto un costo importante in sé, a Bologna manca una parte del controllo della sosta e il Comune spende di più. Che senso ha? A chi conviene veramente?»

Non certo ai 128 lavoratori di Atc, né ai cittadini bolognesi, che in un periodo in cui il Comune fatica a pagare le dade dell’asilo, vedono uno sperpero oggettivo di risorse.

Se poi anche solo una delle cause pendenti sul capo di Atc Sosta dovesse concludersi con la necessità per l’azienda di sborsare qualche milione di euro, l’esito potrebbe essere catastrofico: fallimento di Atc, necessità di salvare almeno in parte i posti di lavoro, ulteriore spesa per le casse comunali. Ma ne valeva la pena?


INCHIESTA. I punti oscuri del bilancio Atc

Il bilancio 2011 di Atc è stato reso pubblico da poco e ha già scatenato feroci polemiche.
Sull’approvazione del documento è calato il gelo infuocato del collegio dei sindaci, della società di revisione dei conti e dei soci di minoranza dell’azienda, Provincia di Ferrara e Provincia di Bologna. Chi ci ha perso dalla fusione e i rischi che corriamo. Un’inchiesta a puntate su ilmanifestobologna.it.

***

Alzi la mano chi sa cos’è Tper. L’acronimo sta per Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna, la società ha un suo sito, in costruzione. Ma se siete tra le migliaia di passeggeri che ogni giorno salgono sugli autobus o prendono i treni regionali, potreste non esservi accorti che Atc e Ferrovie Emilia-Romagna (Fer) si sono fuse, creando questo gigante su scala regionale del trasporto integrato ferro-gomma.

Per ora gli stessi uffici di Tper, che ha preso sede nel quartier generale di Atc, sono soggetti a cambiamenti improvvisi, a quanto raccontano i dipendenti.

Un bilancio poco chiaro

La stessa confusione (per usare un eufemismo) la si può ritrovare nel sofferto iter di approvazione dell’ultimo bilancio Atc. Ultimo perché, per potersi fondere con Fer e creare Tper, Atc si è sdoppiata, scorporando l’intera attività del trasporto locale, che è finito in Tper, e lasciando un guscio semivuoto, che continua a chiamarsi Atc, con dentro solo il settore Sosta.

Nell’assemblea dei soci del 30 aprile l’ultimo bilancio di Atc è stato approvato a maggioranza, vale a dire con i soli voti controllati dal Comune di Bologna, che con il 59% è il principale azionista. Comune e Provincia di Ferrara e Provincia di Bologna hanno votato contro. Il perché lo si può immaginare anche solo sfogliando le relazioni del collegio dei sindaci (organo di tutela dei soci e della buona gestione della società) e di Trevor, società incaricata della revisione. Il collegio dei sindaci di Atc dichiara di «non poter dare giudizio positivo» relativamente al bilancio, sollevando una lunga serie di perplessità sui criteri di formazione del bilancio stesso. I consulenti di Trevor concludono la loro relazione decretando di «non poter esprimere alcun giudizio» sul bilancio 2011, in considerazione delle «molteplici incertezze» e della loro «rilevante significatività». Le incertezze si riferiscono ad una serie di scelte nella formazione del bilancio i cui criteri, sottolineano i revisori, «non sono illustrati nella Nota integrativa né sono supportati da alcun documento concreto».

Materia per esperti, a prima vista, ma la prospettiva cambia se si parla di numeri.

Poca legna in cascina

Le scelte di bilancio contestate da sindaci, revisori e soci di minoranza, sono riconducibili essenzialmente a due generi di operazioni.

Il primo è il mancato accantonamento di sufficienti fondi in previsione di una serie di cause in cui Atc è coinvolta. Se la società dovesse essere condannata al pagamento delle multe e delle sanzioni previste, il danno per il patrimonio di Atc potrebbe facilmente superare i 25 milioni di euro.

Ci sono infatti ben 17,8 milioni di euro di proventi della sosta dal 1997 al 2009 che, secondo le indagini della Guardia di Finanza, la società dovrebbe ancora versare al Comune e che il Comune, su sollecitazione della Corte dei Conti, ha intimato ad Atc di restituire già il 25 luglio 2011.

A questi si aggiungono 1,5 milioni di euro pretesi dal Comune come proventi dalla sosta per il 2009/2010 e oggetto di contenzioso e 5,4 milioni di euro di ammenda da pagare se fosse confermata un’accusa della Direzione territoriale del lavoro di interposizione illecita di manodopera e/o appalto irregolare.

Nei fatti gli amministratori si sono limitati a confermare 800mila euro già accantonati nel 2010 in caso di conferma delle accuse delle Fiamme Gialle, e altri 500mila per il rischio di perdere la causa con la Direzione territoriale del lavoro. Sindaci e revisori contestano che queste cifre non hanno alcuna relazione evidente con le somme in gioco, né sono chiari i metodi con cui sono state determinate.

La seconda scelta contestata è la riduzione dei tassi di ammortamento di autobus e filobus, che secondo i revisori non è stata operata secondo i principi di contabilità previsti dalla legge. Nella sostanza, si è trattato di spalmare su più anni il costo di acquisto dei veicoli, riducendo quindi l’incidenza della voce di spesa nel bilancio 2011 per ben 3 milioni di euro.

Volano stracci in audizione

Il 31 maggio alcuni consiglieri di minoranza del Comune di Bologna convocano un’audizione per fare alcune domande ai vertici di Atc, ai sindaci e ai revisori, e chiarire i punti oscuri. Un’audizione in cui non si risparmiano parole anche molto dure, come quelle del presidente del collegio dei sindaci, Enrico Corsini, che tuona: «Sono stati compiuti degli errori marchiani nel calcolo degli ammortamenti, degli sbagli matematici che violano i principi di contabilità fissati dalla legge». Sulla questione degli ammortamenti, nonostante le domande insistenti dei consiglieri, il presidente del cda Vella non dà risposte diverse da un tautologico: «Sappiamo che ci sono stati dei miglioramenti perché ce lo dicono i tecnici». Mentre la vicesindaco Giannini difende la scelta del Comune di votare a favore del bilancio, argomentando che alle perplessità è già stata data «adeguata risposta».

La risposta a cui si riferisce la Giannini è un lettera inviata dal cda di Atc il 23 aprile, in cui i vertici della società attaccavano a tutto campo le relazioni di sindaci e revisori. Secondo il consiglio, nel caso specifico degli ammortamenti, «le migliorate politiche manutentive dall’azienda hanno determinato un prolungamento della vita utile economica dei beni». Eppure di miglioramenti nelle politiche manutentive dell’azienda non sapeva niente nessuno ancora a fine giugno, quando sulla base di un pre-consuntivo era stata deliberata la fusione con Tper.

Nell’assemblea dei soci del 30 aprile che approva il bilancio, la Provincia di Bologna conferma però la sua insoddisfazione per le spiegazioni contenute nella lettera del cda, ritenuta «carente e parziale, in quanto non descrive compiutamente i relativi accadimenti» e chiede la predisposizione di un nuovo progetto di bilancio. Anche la provincia di Ferrara vota contro l’approvazione.

Perché queste strane operazioni? Perché il Comune di Bologna ha approvato il bilancio dopo aver messo in mora Atc per 17,8 milioni di euro e poi per altri 1,5 e nonostante il parere contrario di tutti? E chi ci ha guadagnato?

Nei fatti è solo grazie alle scelte contestate che il bilancio di Atc si è potuto chiudere in attivo (anche se di soli 71mila euro). Se fossero stati considerati tutti i rischi da cause in corso e se si fosse lasciato invariato il tasso di ammortamento dei mezzi, infatti, Atc avrebbe potuto registrare un passivo di diversi milioni di euro.

Un risultato così negativo poteva forse creare problemi al delicato processo di fusione con Fer appena condotto in porto. L’approvazione di un bilancio in attivo ha avuto invece l’effetto della polvere spostata sotto il tappeto, e Atc ha potuto presentarsi al suo matrimonio con Fer senza l’onta di un bilancio in rosso, crollato per varie ragioni (tra cui  il calo dei contributi regionali e comunali deciso dalla manovra 2010 del Governo e l’aumento dei costi del carburante), da un attivo di 1,9 milioni di euro nel 2010 ad uno di 71mila nel 2011.

Ma ogni guadagno comporta una perdita o un rischio per qualcuno. In questo caso si tratta di Atc Sosta, rimasta con 128 lavoratori, meno di 800mila euro di patrimonio e dubbi infiniti sul suo futuro.