Il prof. Alderman di Oxford, odiatore di Arrigoni, e il nostro scambio di e-mail

N.B. : Qui la versione originale in inglese. Alla fine del post ho fatto una traduzione in italiano, rozza ma fedele.

Vittorio Arrigoni’s death and your uncautious joy

18:44 (2 ore fa)

Dear prof. Alderman,
I just read your column on the Jewish Chronicle. Let me express my deep disappointment. As an Italian journalist I’m literally horrified by the nonchalance you showed commenting the life and the horrible death of Vittorio Arrigoni. I’m very surprised, too, that a history professor could be so careless and shallow. Vittorio Arrigoni was not a Jew-hater. As a human-rights activist he was very critical about Israel policy in Gaza. He was there when the operation “Molten lead” was launched, he lived under continuous bombing by the Israeli air forces and Tsahal tanks. What he was critical about was Israeli policy as a State, and not about Jews and their religion. You mentioned his catholic background: well, I inform you that in Italy almost 90% of young people receives a catholic education, in some way. This does not prevent us to form our religious faith (or refuse religion at all) and our personal believings. Unfortunately Vittorio wasn’t a practicing catholic at all.
Your so-declared joy about his death is absolutely horrible. It is especially because you are accusing him, but he cannot defend himself. He cannot speak or write. Very cowardly you waited until his death to play the part of the jackal.
Vittorio was an unselfish person, he protected palestinian peasants and fishermen as a human shield. You should better inform, professor, about the inflexible control that Israeli army exerts on unilateral declared boundaries. Boundaries that they have no problem in violating, because power is on their side.
I want with this letter express my bewilderment and, in memory of Vittorio Arrigoni, a great Italian, demand your formal excuses.
It is time that intellectuals begin to pursue not the overcoming of one or the other faction, but the general progress of mankind. That open-air prison that Gaza has become since 2008 could only lead to a recrudescence of Palestinian struggle: more blood, on both sides. Vittorio Arrigoni was there to denounce this situation. He was a brave man, as all of his friends witness, and a great heart.
If you are worth a penny of his humanity, you should come back on your steps.
With regards,
Claudio Magliulo
journalist
Italy

————————————-
Geoffrey Alderman a me

18:52 (2 ore fa)

Dear Claudio

For the record, when researching the article I looked at Arrigoni’s Facebook page.  I found as follows: He displayed – with approval as I take it – a photo of a Jordanian restaurant displaying a sign forbidding entry to dogs and Israelis; he made no distinction between Israelis and Jews: For instance he referred to: “Una seconda foto, invece, mostra un militare dello Stato ebraico che aggredisce una donna palestinese; moreover, the cartoons he displayed quite explicitly (in my view) identified Israeli Jews as Christ-killers – see, for example, the cartoon featuring a slain Father Xmas, as well as the crucifixion one I mentioned in my JC piece.

Of course as  a supporter of Hamas he identified himself with a movement dedicated explicitly to the killing of Jews.

As a member/affiliate of the ISM he identified himself with a movement dedicated explicitly to the delegitimation of the Jewish state.

May I also draw your attention to the comment by Norman Harding (obviously a supporter of Arrigoni) at http://972mag.com/in-memory-of-vittorio-arrigoni-ism-volanteer-killed-in-gaza/ :

“I met Vittorio in Gaza. … While he loved the Palestinian people, he told me he strongly hated the Israelis, particularly the settlers. He hoped that one day the “state” of Israel would be destroyed by the Arabs..”
BTW, this is from the Jerusalem Post of 26 April: “BERLIN – Fiamma Nirenstein, vice president of the Committee on Foreign Affairs in Italy’s Chamber of Deputies and chairwoman of the Committee for the Inquiry into Anti-Semitism, has deemed the slain Hamas-aligned activist Vittorio Arrigoni a “fan of political Islamism because he was an enemy of the Jews.”
[ http://www.jpost.com/International/Article.aspx?ID=217861&R=R1 ]

I am interested in the truth.

What – precisely – are you interested in?

Sincerely

Geoffrey Alderman

——————————————————-

Claudio Magliulo a Geoffrey

19:50 (1 ora fa)

Dear professor,
I must thank you for your quick reply. I am interested in the truth, too. May I draw your attention on the fact that you are picking up any source that could confirm your predetermined thesis?
Fiamma Nirenstein, unfortunately, is well-known in Italy as an enraged columnist who can’t operate distinctions between Jew-haters (as you called them: in Italy they are basically neo-nazis) and people critical about Israeli policies as a State.
I’m not denying the toughness of Vittorio’s critics. But if I can draw your attention on the same quoting that you just reported me, you could find that the object of Vittorio’s critics were settlers and sionists. Sionists intended, as you obviously can understand, as people whose aim is settle down in a land that 2000 years before was dramatically hit by Romans dominion, the first diaspora of a long series, but that, when Mr. Herzl and his epigonies began to think of it as the real homeland of jewish people, another population had come to live in it in the meanwhile).
He wasn’t a supporter of Hamas. On the same blog that you rummaged so dutifully there are also tough critics to Hamas regime. I don’t know if you can read Italian. Obviously those parts of his blog were ignored by the international press.
I think, in Vittorio’s opinion, the problem was that Israel acts as a Jewish State, and not as a normal State. Let me explane more clearly. What Vittorio was trying to express is that the “encirclement complex” (I’m not discussing its basis, you can just look at the hatred that Arab States demonstrated in at least three wars to understand the roots of this complex) brought Israel to consider every critic as a threat to its very survival. In this terrible history the Palestinian people is the weak side. You can’t compare stones (and even roughly-made Qassam rockets) with tanks and airguns.
So, Vittorio Arrigoni did made distinctions between Israelis and Jews, as I personally do. I think the problem is that Israel supporters believe that any critics to Israel is in the depths of their souls also a critic to Jews and their right to exist and also live where they (more or less) have chosen to live from 1948 onward.
What Vittorio was fighting for was the right of Palestinian people to live in peace in their land, which unfortunately is the same land that Declaration Balfour and UN resolution 181 assigned to jews. I think they all need peace, but no real peace is possible at this conditions.
We should get through 20th century tragedies and build a fairer world. At this moment Israel military and economic strenght are suppressing Palestinan rights. Vittorio was fighting to defend this rights, because a lot of people (intellectuals like you and Ms. Nirenstein, and governments) already defends Israel. Please don’t commit the mistake of replacing Palestinans with Hamas, as Vittorio and I don’t replace Israelis with their government or the settlers’ lobby.
I insist, in this case you are wrong. Vittorio Arrigoni hated Israeli government and its army. He did not hate Jews, and certainly did not because of the story of Christ crucifixed. Who cares? This argument was universally accepted in Middle Age. Instead I can’t remember a single person (even a neo-nazi or a negationist) who used this argument against Jews since decades.
The fact is simple, if you clean out the jew-hater story: Arrigoni was a human-rights activist and was on Palestinian side like other activists fight for Saharawi rights in Morocco or Indian-american rights in Latin America. And as other activists in the past fought for African rights in South Africa and so on.
I still hope in an afterthought from you.
With regards,
Claudio Magliulo

———————————-

Geoffrey Alderman a me

20:08 (53 minuti fa)

Claudio

You have made my argument for me when you wrote: “I think, in Vittorio’s opinion, the problem was that Israel acts as a Jewish State, and not as a normal State.”

Arrigoni opposed the right of Jewish self-determination but not (apparently) the right of Arab self-determination.

I regard this as deeply racist.

Geoffrey

—————————————

Claudio Magliulo a Geoffrey

20:59 (1 minuto fa)

Well, I tried to put you through a critical thought, and I failed. He didn’t oppposed at all the jewish right to self-determination. He opposed Israel right to oppress Palestinian people, even if Israel unfortunately tends to connect this right to the Jewish right to exist. Exist is not equal to militarily occupy someone else’s land. I think that’s all.
It is clear that we are moving through a history dense of violence and injustice on both sides, and I am the last to support Hamas violence (verbal and physical) against Israeli people. You shouldn’t justify Israel violence with the jewish right to self-determination.
The problem, and the sense of that quote, is exactely that I’m afraid Israeli themselves have some difficulty in separate this two arguments. I don’t think religion should guide policy. When this happens, the results are very uncomfortable, if you pass me the expression. Should we think we hate Muslims and oppose their right to self-determination if we oppose a Muslim government who oppresses its own people or some other people? Am I anti-muslim in criticizing Syrian response to popular uprisings, or Iran dreams of nuclear power? I don’t think so.
Nevertheless, the fact that Israel is a democracy leaves me with the hope that democratically Israelis could one day change their behaviour in Palestinians affairs.
Personally I’m very fascinated by Jewish history, traditions, language. In Italy we have a strong Jewish community and they are very integrated and suffer no threat (apart from true neo-nazis and racists, but they are very few people). If Arrigoni was a real racist and Jew-hater he would have denied Shoah or said that Hitler was right. On the contrary Arrigoni was raised in anti-fascist and democratic values, and exactely for this reason he struggled to ensure the same rights that he had in Italy to people who objectively live in fear, now, in Gaza.
Of course he was not balanced in his judgements. He was under the bombs and fireguns shots everyday, I think nobody could understand bombs and fireguns. I’m sorry, professor, but I think you should find a better object for your angry and your hate.
Frankly the tones that you used speaking of Arrigoni were of a hater and not of an academic. I still believe you should leave a wider space to doubt and human comprehension, on this issue.
C.M.

TRADUZIONE (NON UFFICIALE), come richiestomi da alcuni:

La morte di Vittorio Arrigoni e la sua incauta gioia

18:44 (2 ore fa)

Egregio prof. Alderman,
Ho appena letto la sua rubrica sul Jewish Chronicle. Mi lasci esprimere la mia profonda delusione. Da giornalista italiano, sono letteralmente inorridito dalla nonchalance che ha dimostrato nel commentare la vita e l’orribile morte di Vittorio Arrigoni. Sono molto sorpreso, anche, che un professore di storia possa essere così sbadato e superficiale. Vittorio Arrigoni non era un odiatore-di-ebrei. In quanto attivista per i diritti umani era molto critico sulla politica di Israele a Gaza. Era lì quando l’operazione “Piombo fuso” è stata lanciata, viveva sotto continuo bombardamento da parte delle forze aeree israeliane e dei carri armati di Tsahal (l’esercito israeliano, ndr). Ciò verso cui era critico era la politica di Israele in quanto Stato, e non gli ebrei e la loro religione. Lei ha citato il suo background cattolico: bene, la informo che in Italia quasi il 90% dei giovani riceve una formazione cattolica, in qualche modo. Questo non ci impedisce di formarci la nostra fede religiosa (o rifiutare la religione) e le nostre convinzioni personali. Sfortunatamente per lei, Vittorio non era assolutamente un cattolico praticante.
La sua dichiarata “gioia” circa la sua morte è assolutamente orribile. In particolare, lo è perché lei è in grado di accusarlo, ma lui non può difendersi. Non può parlare né scrivere. Molto vilmente lei ha aspettato fino alla sua morte per giocare la parte dello sciacallo.
Vittorio era una persona altruista, proteggeva i contadini e pescatori palestinesi come scudo umano. Dovrebbe informarsi meglio, professore, sul controllo inflessibile che impone l’esercito israeliano su confini unilateralmente dichiarati. Confini che loro non hanno alcun problema a violare, perché la forza è dalla loro parte.
Voglio con questa lettera esprimere il mio sconcerto e, in memoria di Vittorio Arrigoni, un grande italiano, domandare le sue scuse formali.
E ‘ora che gli intellettuali comincino a perseguire non la supremazia di una fazione sull’altra, ma il progresso generale dell’umanità. Quella prigione a cielo aperto che Gaza è diventata dal 2008 non poteva che portare ad una recrudescenza della lotta palestinese: più sangue, su entrambi i lati. Vittorio Arrigoni era lì per denunciare questa situazione. Era un uomo coraggioso, come tutti gli amici testimoniano, e un grande cuore.
Se lei vale solo un centesimo della sua umanità, dovrebbe tornare sui suoi passi.
Distinti saluti,
Claudio Magliulo
giornalista
Italia

————————————-
Geoffrey Alderman a me

18:52 (2 ore fa)

Caro Claudio

Per la cronaca, quando ho fatto ricerche per l’articolo, ho guardato la pagina Facebook di Arrigoni. Ho constatato quanto segue: ha esposto – approvandolo, mi sembra – una foto di un ristorante giordano con un cartello che vieta l’ingresso ai cani e agli israeliani; non ha fatto alcuna distinzione tra israeliani e gli ebrei: per esempio, ha fatto riferimento a: “Una Seconda foto, invece, Mostra delle Nazioni Unite Militare dello Stato ebraico che aggredisce una donna palestinese” inoltre, la vignetta che pubblicava mostra abbastanza esplicitamente (a mio avviso) gli ebrei israeliani come assassini di Cristo – si veda, ad esempio, la vignetta con un Babbo Natale ucciso, come così come quella con la crocifissione che ho citato nel mio pezzo sul JC.

Naturalmente, da sostenitore di Hamas, lui si identificava con un movimento dedicato esplicitamente all’uccisione di ebrei.

Da socio / affiliato del ISM si identificava con un movimento dedicato esplicitamente alla delegittimazione dello Stato ebraico.

Vorrei anche richiamare la suaa attenzione sul commento di Norman Harding (ovviamente un sostenitore di Arrigoni) a http://972mag.com/in-memory-of-vittorio-arrigoni-ism-volanteer-killed-in-gaza/:

“Ho incontrato Vittorio a Gaza. … Mentre amava il popolo palestinese, mi disse che odiava fortemente gli israeliani, in particolare i coloni. Sperava che un giorno lo” stato “di Israele sarebbe stato distrutto dagli arabi ..”
Tra parentesi, questo è dal Jerusalem Post del 26 aprile: “Berlino – Fiamma Nirenstein, vicepresidente della commissione per gli affari esteri alla Camera dei deputati in Italia e presidente della commissione d’inchiesta sull’anti-semitismo, ha ritenuto l’attivista vicino ad Hamas ucciso, Vittorio Arrigoni, un “fan dell’islamismo politico perché era un nemico degli ebrei.”
[Http://www.jpost.com/International/Article.aspx?ID=217861&R=R1]

Mi interessa la verità.

Lei  – precisamente – a cosa è interessato?

Sinceramente
Geoffrey Alderman

————————————————– —–

Claudio Magliulo a Geoffrey

19:50

Caro professore,
Devo ringraziarla per la risposta rapida. Anche a me interessa la verità. Posso richiamare la sua attenzione sul fatto che lei sta raccogliendo qualsiasi fonte che possa confermare la sua tesi predeterminata?
Fiamma Nirenstein, purtroppo, è ben nota in Italia per essere un’editorialista arrabbiata che non riesce ad operare distinzioni tra gli oditaori di Ebrei (come lei li chiama: in Italia sono sostanzialmente neo-nazisti) e la gente critica sulle politiche di Israele in quanto Stato.
Non sto negando la durezza delle critiche di Vittorio. Ma se posso attirare la sua attenzione sulla stessa citazione che mi ha appena segnalato, potrà scoprire che l’oggetto delle critiche di Vittorio erano i coloni e i sionisti. Sionisti intesi, come lei ovviamente può capire, come persone il cui scopo è quello di stabilirsi in una terra che 2000 anni prima era stata drammaticamente colpita dalla dominazione romana, la prima diaspora di una lunga serie, ma che, quando il signor Herzl e i suoi epigoni cominciarono a pensare ad esso come la vera patria del popolo ebraico, un’altra popolazione ci si era stabilita nel frattempo).
Lui non era un sostenitore di Hamas. Sullo stesso blog che lei tanto diligentemente ha frugato ci sono anche critiche dure al regime di Hamas. Non so se è in grado di leggere l’italiano. Ovviamente quelle parti del suo blog sono state ignorate dalla stampa internazionale.
Penso che, nell’opinione di Vittorio, il problema era che Israele agisce come Stato ebraico, e non come uno stato normale. Mi lasci spiegare più chiaramente. Quel che Vittorio stava cercando di esprimere è che il “complesso di accerchiamento” (non sto discutendo la sua radice, basta guardare all’odio che gli Stati arabi hanno dimostrato in almeno tre guerre per capire le radici di questo complesso) ha condotto Israele a prendere in considerazione ogni critica come una minaccia alla sua stessa sopravvivenza. In questa storia terribile, il popolo palestinese è la parte soccombente. Non si possono paragonare le pietre (e persino i razzi Qassam fatti in casa), con carri armati e mitragliatori.
Quindi, Vittorio Arrigoni distingueva tra israeliani ed ebrei, come personalmente faccio anch’io. Credo che il problema sia che i sostenitori di Israele credono che qualsiasi critica a Israele è nel profondo della loro anima anche una critico agli ebrei e al loro diritto di esistere e di vivere dove (più o meno) hanno scelto di vivere dal 1948 in poi.
Vittorio era in lotta per il diritto del popolo palestinese a vivere in pace nella loro terra, che è purtroppo la stessa terra che la dichiarazione Balfour e la risoluzione Onu 181 assegnano agli ebrei. Penso che tutti abbiano bisogno di pace, ma nessuna pace reale è possibile a queste condizioni.
Dovremmo superare tragedie del 20 ° secolo e costruire un mondo più giusto. In questo momento la forza militare ed economica di Israele sopprimono i diritti dei Palestinesi. Vittorio si batteva per difendere questi diritti, perché già molti (intellettuali come lei e la signora Nirenstein, e governi) già difendono Israele. La invito a non commettere l’errore di sostituire i Palestinesi con Hamas, come Vittorio e io non sostituiamo gli israeliani con il loro governo o la lobby dei coloni.
Insisto, in questo caso lei si sbaglia. Vittorio Arrigoni odiava il governo di Israele e il suo esercito. Egli non odiava gli ebrei, e certamente non a causa della storia di Cristo crocifisso. Chi se ne frega? Questo argomento era universalmente accettato nel Medioevo. Invece non riesco a ricordare una sola persona (anche un neo-nazista o un negazionista) che abbia questa argomentazione contro gli ebrei da decenni.
Il fatto è semplice, se si depura della storia dell’odiatore di ebrei: Arrigoni era un attivista per i diritti umani e stava dalla parte palestinese, come altri attivisti lottano per i diritti dei Saharawi in Marocco o degli indios in America Latina. E come altri attivisti in passato hanno combattuto per i diritti dei neri africani in Sud Africa e così via.
Spero ancora in un ripensamento da parte sua.

Distinti saluti,
Claudio Magliulo

———————————-

Geoffrey Alderman a me

20:08 (53 Minuti fa)

Claudio

Hai fatto il lavoro al posto mio, quando hai scritto: “Credo che, a parere di Vittorio, il problema era che Israele si comporta come uno Stato ebraico, e non come uno Stato normale”.

Arrigoni era contro il diritto degli ebrei all’autodeterminazione, ma non (apparentemente) contro il diritto all’autodeterminazione degli arabi.

Questo io lo considero profondamente razzista.

Geoffrey

—————————————

Claudio Magliulo a Geoffrey

20:59 (1 minuto fa)

Beh, ho provato a farla penetrare dentro un pensiero critico, e ho fallito. Lui non si opponeva in alcun modo al diritto ebraico all’autodeterminazione. Si opponeva al diritto di Israele di opprimere il popolo palestinese, anche se Israele tende purtroppo a collegare questo “diritto” con il diritto ebraico di esistere. Esistere non è uguale a occupare militarmente la terra di qualcun altro. Penso che sia tutto qui.
E ‘chiaro che ci stiamo muovendo attraverso una storia densa di violenza e di ingiustizia da entrambe le parti, e io sono l’ultimo a sostenere la violenza di Hamas (fisica e verbale) contro popolo israeliano. Ma non si può giustificare la violenza di Israele con il diritto ebraico all’autodeterminazione.
Il problema, e il senso di quella frase, è esattamente che temo che gli israeliani stessi abbiano qualche difficoltà nel separare questi due argomenti. Non credo che la religione dovrebbe guidare la politica. Quando questo accade, i risultati sono molto “scomodi”, se mi passa l’espressione. Dovremmo pensare che odiamo i musulmani e ci opponiamo al loro diritto all’autodeterminazione, se ci opponiamo a un governo musulmano che opprime il proprio o l’altrui popolo? Sono io un anti-musulmano se critico la risposta siriana alle rivolte popolari, o i sogni nucleari dell’Iran? Non credo.
Tuttavia, il fatto che Israele è una democrazia mi lascia con la speranza che democraticamente gli israeliani un giorno possano cambiare il loro approccio agli affari palestinesi.
Personalmente sono molto affascinato dalla storia ebraica, le tradizioni, la lingua. In Italia abbiamo una forte comunità ebraica, sono molto integrati e non subiscono  minacce (a parte i veri neo-nazisti e razzisti, ma sono pochissime persone). Se Arrigoni fosse stato davvero un razzista e un odiatore di Ebrei avrebbe negato la Shoah o detto che Hitler aveva ragione. Al contrario Arrigoni è stato allevato nei valori antifascisti e democratici, e esattamente per questo ha lottato per garantire gli stessi diritti che aveva in Italia a persone che oggettivamente vivono nella paura, ora, a Gaza.
Naturalmente non era equilibrato nei suoi giudizi. E ‘stato sotto le bombe e le mitragliatrici tutti i giorni, penso che nessuno possa capire le bombe e le mitragliatrici. Mi dispiace, professore, ma credo che lei dovrebbe trovare un oggetto migliore per la sua collera e il suo odio.
Francamente i toni che ha usato parlando di Arrigoni erano di un odiatore e non di un accademico. Io credo ancora che lei dovrebbe lasciare uno spazio più ampio al dubbio e alla comprensione umana, su questo tema.
C.M.

Annunci

Non siamo restati umani. (Riflessioni personali sulla morte di Vittorio Arrigoni)

Lo chiamavano “Utopia”. Una vita dedicata alla giustizia, dalla parte di chi non ha voce, finita questa notte. Un cavo di acciaio ha interrotto per sempre il respiro di Vittorio Arrigoni. L’utopia si è interrotta.
Chi era Arrigoni (non lo conoscevo, se non per i suoi dispacci sul Manifesto, densi e terribili)? Un ragazzo, un cooperante, un giornalista per caso. Lo diceva da solo, intervistato da Radio Popolare, che l’attivismo per i diritti umani non si inventa da un giorno all’altro. E’ una coltivazione che dura anni e anni. Bisogna costruirsi, studiare, scavarsi dentro per trovare coraggio e motivazioni. Erano dieci anni che lui faceva questo. Sbattuto fuori dalla Palestina dopo uno scontro con gli israeliani che gli era quasi costato la pelle, era tornato poche settimane dopo, il 25 Dicembre 2008. Appena in tempo per sentire il fischio delle prime bombe dell’operazione “Piombo fuso”, quella in cui Tsahal spianò la popolosa città palestinese con qualunque mezzo, incluso il fosforo bianco. Lui era l’unico testimone esterno, i suoi racconti furono determinanti per capire cosa fosse davvero quella guerra. Come un po’ tutte le guerre, qualcosa di inappellabilmente disumano. Per questo la sua esortazione, un marchio di fabbrica piazzato a chiusura di ogni suo post, era “Restiamo umani”. Una vera bella utopia.
Il giorno dopo il primo bombardamento, sul suo blog scaraventa in faccia all’informazione occidentale questo messaggio:

Un messaggio cordiale di fine anno a tg1 tg2 rete 4 canale 5 italia uno, Claudio Pagliara su tutti, ma anche il tg3: ANDATE A FARE IN CULO. 
Siamo sotto le bombe a Gaza, e molte sono cadute a poche centinaia di metri da casa mia. E amici miei, ci sono rimasti sotto. Siamo a 160 morti sinora, una strage senza precedenti.
Terroristi? Hanno spianato il porto , dinnanzi a casa mia e raso al suolo le centrali di polizia.
Mi riferiscono che i media italiani tutti in toto danno per buono il comunicato militare israeliano di base terroristiche bombardate. Cazzate. Li ho conosciuto, questi ragazzi, li ho salutati tutti i giorni recandomi al porto per pescare coi pescatori palestinesi, o la sera per recarmi nei caffè del centro. Diversi li conoscevo per nome. Un nome, una storia, una famiglia. Sono giovani, diciotto ventanni, per lo più che se ne fottono di Fatah e Hamas, che si sono arruolati nella polizia per poter aver assicurato un lavoro in una Gaza che sotto assedio ha l’80 perce tno di popolazione disoccupata. 
Aprite le orecchie, colletti bianchi della disinformazione occidentale. Queste divise ammazzate oggi (senza contare le decine di civile che si trovavano a passare per caso, molti bambini stavano tornando a casa da scuola) sono i nostri poliziotti di quartiere. Se ne stavano tutti i giorni dell’anno a presidiare la stessa piazza, la stessa strada, li ho presi in giro solo ieri notte per come erano imbaccuccati per riparsi dal freddo, dinnanzi a casa mia. Non hanno mai sparato un colpo verso Israele, ne mai lo avrebbero fatto, non è nella loro mansione. Si occupano della sicurezza interna, e qui al porto siamo ben distanti dai confini israeliani.
Ho una videocamera con me ma sono un pessimo cameraman, perchè non riesco a riprendere i corpi maciullati e i volti in lacrime. Non ce la faccio. Non riesco perchè sto piangendo anche io.
Ambulanze e sirene in ogni dove, in cielo continuano a sfrecciaree i caccia israeliani con il loro carico di terrore e morte. Devo  correre, all’ospedale AL Shifa necessitano di sangue.
non sono umani, credo che non lo siano mai stai.
V.

Non siamo restati umani, questo è chiaro. Probabilmente nell’economia complessiva di una guerra continua, il fatto che Arrigoni fosse l’ultimo obiettivo da colpire per chi avesse a cuore la Palestina, conta poco. I giornali riportano le schede sulla galassia di gruppuscoli salafiti. Qualcuno si spinge ad ipotizzare una qualche forma di coinvolgimento dei servizi segreti israeliani, prospettiva che non mi stupirebbe. Ma la verità, forse, la sapremo chissà quando.
L’unico fatto incontrovertibile, per me, è un avvertimento a tutti quelli che decidono di stare “dalla parte del torto, perché tutti gli altri posti erano occupati”. A quelli che stanno in mezzo, come Arrigoni, con il suo petto bene in vista per difendere contadini e pescatori palestinesi dallo strapotere militare israeliano. Ai giornalisti che vogliono dare voce a chi non ha voce. E’ finito il tempo, questo è il messaggio. Finito il tempo del dialogo, dei distinguo, il contrasto si fa sempre più netto. Noi qui, voi lì, il resto sono stronzate. Arrigoni è morto perché era europeo, oppure perché era scomodo, raccontava quello che non si doveva raccontare, lavorava per la pace (pace vera)? A lui non piaceva Hamas, lo ha scritto, non piaceva Fatah, non piaceva Israele. A lui piaceva stare tra quella gente in quella che per lui era una seconda casa. A combattere una battaglia, tutto solo, sul fronte.
Non gli piaceva l’idea di fare l’eroe, “perché gli eroi spesso fanno la fine del topo”. E di sicuro da domani non avremo più quella voce strascicata con l’inconfondibile “erre” moscia padana, a raccontarci tra una pipa e l’altra l’abisso di oppressione e di violenza che si può esercitare. A Gaza, come altrove.
I testimoni sono sgraditi, i pacificatori sono sgraditi. Le dita prudono sui grilletti, ognuno per una ragione diversa. E l’unica ragione universale, quella dell’ascolto del prossimo, oggi fa un passo in più verso la sconfitta.
Non si poteva equivocare o non sapere chi fosse Arrigoni. Lo conoscevano (quasi) tutti, lo conoscevano probabilmente gli uomini che lo hanno rapito all’uscita dalla palestra dove era solito recarsi la sera. Lo hanno picchiato, legato, bendato, mostrato come trofeo. E poi lo hanno ucciso.
Oggi pomeriggio ci saranno veglie funebri anzitempo in tutte le piazze d’Italia. Salutiamolo, con la dignità che si merita. Ma per favore smettiamo la retorica del sacrificio. Non si è sacrificato per una causa, ci si è dedicato. La sua era una passione per la vita, non per la morte.
Siamo dentro un mondo che non vuole restare umano. Invece di stampare i santini, proviamo a domandarci davvero come siamo arrivati a quello che Arrigoni ci ha raccontato, come siamo arrivati al suo insensato omicidio. Mettiamo in discussione gli ossimori sulla guerra giusta e le etichette sul terrorismo. Chiudiamo i bignami di geopolitica e i vuoti appelli per i diritti umani. Cui prodest? Questa deve essere la domanda. La risposta non sarà mai “noi”, ma “loro”, quelli che prendono le decisioni. Quelli che non manderebbero i propri figli al fronte ma ci mandano quelli degli altri, per ragione di stato.
Domani i media  dimenticheranno questo giovane morto in piedi, o sfrutteranno il caso per ululare allo scontro di civiltà e alla barbarie islamista. Il minimo che gli dobbiamo è denunciare questi opinionisti da “scontro di civiltà” per quello che sono. Avvoltoi. Girate in tondo su un altro cadavere, domani. Questo morto non vi appartiene, e bisogna lo si vegli in silenzio.
Quanto a me, voglio solo dedicare una mia vecchia sciocca poesia, a questo ragazzo, “mio simile, mio amico”. E’ rimasta in un cassetto molto tempo, in attesa di un momento dove avesse davvero qualcosa da dire. Parla d’amore, di morte. E di speranza.

Canzone nera
Il cielo si fa scuro,
l’aria più vuota
e cattiva.
Sarà bastato questo tempo
Per uccidere un po’
Persino noi?
C’è una canzone nera
Che serbo nel cuore
Per tutti i giorni
Di amore tradito,
per tutti gli occhi spenti
nella furia del mondo.
Il diritto, la ragione, la morale,
portateli alla sbarra,
scagliateli in gabbia
e ingoiate la chiave,
se per necessità storica
diritto di proprietà
legittima difesa
il mondo giusto che verrà,
uno dei tanti a scelta,
ci sono vite che si perdono
nel niente,
ci sono storie ammutolite.
E la poesia delle farfalle nei campi,
la poesia delle gonne leggere,
la poesia delle mani tese,
muore un po’,
anche oggi.
Ho cercato la giustizia
Per ogni dove,
amore,
ho cercato pace e saggezza,
e forse ho sbagliato momento.
Ora mi porto dentro
la rabbia
di quelli che non possono parlare
di quelli dimenticati e poco utili,
quelli come me.
Vorrei essere libero come liberi
Sono i gabbiani,
di seguire terra o mare,
vorrei essere uno sguardo limpido che si posa
sulle cose del mondo,
vorrei essere parole portate dal vento,
parole d’amore.
Eppure, è vero,
questo mondo tetro
e contromano,
ci divide.
Ogni notte
Un solco più fondo
Scava il mio letto,
tra i nostri capelli
un muro di lacrime e roco gridare.
Ma nella mia canzone nera
Che canto solo
Sulla prima sponda del fiume,
Davanti ai ponti crollati
Ai morti annegati tirati a riva
Davanti al cielo che promette
Fetido bel tempo,
c’è un desiderio di pioggia
e di vento.
Nella mia canzone,
tra le parole amare,
c’è il tuo nome
che pulsa,
anatema di speranza
vago aroma di crostate
e pomeriggio tra i faggi,
promessa di bucato.
Vorrei che il mondo guarisse
E con esso anche noi,
vorrei sentire che vivo
non solo per te,
soprattutto per te.
Sono un essere intimo
con le cose e i pensieri,
sono un portolano
di storie
che mi passano dentro,
sono un uomo umano,
e se lo sai,
se davvero puoi capirlo,
passa a trovarmi questa sera
in riva al fiume.
Seppelliremo i morti,
cureremo i feriti,
cercheremo insieme
legno e corda
per fabbricarci un ponte,
attraversare le acque.
Posso cantare una canzone nera,
posso cantare un canto di libertà,
posso ascoltare la vita che cresce
nascosta in un respiro.
Posso amare, ancora,
se ci sarai,
anche nel giorno pesto.
Ed aspettare la pioggia,
continuare a sperare.